sabato 28 aprile 2012

Trasparenza

Non riesco a capire il senso degli anni che passano
guardando la mia pelle
che non dice niente, muta,
si rifiuta di raccontare la storia
o è disposta soltanto a imbrogliare
credendo di conoscere verità negate a chiunque.

Gli unici segnalibro sono le cicatrici
che io stessa mi sono procurata
ricordi finti fitti nel tempo.

L’eternità è annegata nel mio corpo
fissando i suoi occhi ciechi
alla sola fotografia in suo possesso.

Indecisa se ricordare il passato
o riscrivere il futuro
mi perdo nell’elenco telefonico
alla ricerca di un indirizzo che non conosco,
sulle mie braccia
non si legge nessuna mappa.

Nessun commento:

Posta un commento